Cucina Tipica

Cucina Tipica Sarda

Pensando alle sue bellissime coste, si è indotti a pensare che la Sardegna sia una terra esclusivamente di mare, mentre invece la maggior parte del suo territorio è occupato da montagne, colline o altipiani. Ed ecco allora che la tradizionale gastronomia sarda è legata al mondo agro-pastorale, oltre che al mare. Dotate di un sapore particolare, grazie alle erbe aromatiche ed alla macchia mediterranea dei pascoli, le carni più diffuse sono quelle di agnello, di capretto e di porceddu. Quest’ultimo in particolare è il tipico maialino da latte diffuso in tutta l’Isola. Infilzato con un bastone di legno aromatizzato, viene cucinato all’aperto a cottura lenta, con una brace di legna di ginepro, alloro, mirto ed olivo. Tra i prodotti della pastorizia, il famosissimo pecorino sardo ha un gusto delicato quando è fresco, mentre è invece più deciso e piccante se stagionato. Esso è sempre presente nella cucina locale, soprattutto su zuppe e pasta. Un altro protagonista della cucina sarda è il pane carasau, sottilissimo e secco, preparato con farina di frumento ed orzo senza lievito. Proviamo ora a fare un percorso gastronomico lungo alcune zone della Sardegna alla scoperta di alcune specialità tipiche. Nelle città costiere della Gallura, da Olbia a Santa Teresa, da provare le buonissime insalate con frutti di mare e crostacei. Qui è possibile gustare aragoste, cicale, astici, granseole, gamberi, scampi, “faoni” cioè i granchi dei fondali dell’arcipelago de La Maddalena. Tra i primi è rinomata la tipica pasta alla bottarga di cefalo o [Continua a leggere…]

Noleggio bus

Ci scusiamo, ma i risultati non sono stati trovati per l'archivio richiesto.