Alla scoperta del comprensorio del Monte Cervino

Valtournenche e Cervinia non offrono solo sport, ma anche tanto svago e divertimento nei tantissimi locali da frequentare di giorno e di notte. Sono località vive con tanti ristoranti, bar, punti di ritrovo, discoteche. E’ possibile fare shopping nei tanti negozi e botteghe tipiche.

A parte la modanità, la valle del Cervino è un vero paradiso terrestre, con una natura incontaminata da scoprire. Innumerevoli sono i sentieri della valle, tutti accompagnati da apposita segnaletica, indicante il tempo di percorenza. Tra le tante escursioni è possibile ad esempio fare il percorso che intere famiglie di Walser, popolo di origine tedesca, fecero a partire dal X secolo per trasferirsi in Valle D’Aosta, attraverso il colle del Teodulo. Oppure raggiungere la grande balconata del Cervino con partenza da Antey.

Da non perdere inoltre l’escursione che da Valtournenche raggiunge lo stupendo lago Blu, che si trova in prossimità di Cervinia.

Un’altra idea può essere quella di raggiungere l’orrido del Gouffre des Bousserailles, una voraggine lunga un centinaio di metri e profondo una trentina, in cui scorre il torrente Marmore. Merita una visita anche Cheneil, stupenda frazione di Valtournenche, da dove si può scendere fino al bellissimo lago Lod. Si consiglia comunque di contattare l’Azienda di Informazione ed Accoglienza Turistica per conoscere tutti i possibili itinerari ed avere tutte le informazioni necessarie.

Un’altra esperienza davvero emozionante è raggiungere in funivia il Plateau Rosà 3472 metri da Cervinia.

Per un soggiorno all’insegna della tranquillità e relax, Chamois situata a 1815 metri è sicuramente la meta ideale. Sopratutto in estate è frequentata da tantissimi turisti. In effetti essa non corrisponde ad un centro abitato ben specifico, ma è composta da più villaggi: Suis, La Ville, Cretaz e Crepin.

Tra le manifestazioni si ricorda la tradizionale Festa delle Guide Alpine e dei Maestri di Sci, che si svolge a Cervinia il 15 di agosto.

Per gli amanti della storia, a La Magdaleine si trovano i resti di una ventina di capanne risalenti all’età del ferro, situate alle falde del monte Tantanè. Da visitare anche i mulini di La-Magdaleine, situati nei pressi di Antey. Trascinati dalle acque del torrente, risalgono al XVIII secolo.

A Torgnon, comune di antichissime origini, da visitare invece la chiesa detta Santuario dei Dodici Apostoli.

Pubblicato in Da Vedere

Articoli correlati

Museo Archeologico Regionale Località: Aosta Ubicazione: piazza Roncas, 1 Descrizione: Espone i reperti ritrovati negli scavi della città e della regione, ripercorrendo la storia dal 3500a.C. Continua