Natura allo stato puro

16.000 ettari di laguna, 3 parchi e 13 riserve naturali compongono un mondo incontaminato
Il Friuli Venezia Giulia è un’esperienza autentica di immersione in un luogo incontaminato e protetto. Non uno, ma tanti ambienti in cui il tempo pare essersi fermato: parchi, lagune, riserve naturali, montagne in cui il silenzio regna sovrano. Per chi vuole vivere la natura a 360° il Friuli Venezia Giulia è il posto giusto.

Tra le Dolomiti Friulane e le Alpi Giulie e Carniche svettano cime perfette, tra le quali si insinuano valli disegnate dal verde. Confine naturale del territorio regionale, le catene alpine custodiscono perle di rara bellezza. Come Sauris, uno dei simboli dell’eccellenza enogastronomica friulana, o la Valle di Resia, dove in un ambiente incontaminato la lingua e le tradizioni di un antico popolo slavo si perpetuano dal VII secolo. Oppure il Tarvisiano, punto di fusione di tre confini naturali e culturali, tra i quali spiccano vette ambite da scalatori di tutta Europa.

Dalla montagna al mare per scoprire la laguna di Grado e Marano, splendido paesaggio ricchissimo di biodiversità, che si estende tra mare e terra su una superficie di 16 mila ettari. Ai patiti della natura in tutte le sue forme, il Friuli Venezia Giulia propone tre Parchi naturali, oltre a una ventina di biotopi e ben 13 riserve naturali.

Natura consigliata:
Laghi di Fusine, splendidi specchi d’acqua immersi in un regno di cervi, caprioli, linci e orsi.
Sauris, uno dei luoghi più ricchi di fascino della montagna friulana. In una scenografia da fiaba si stagliano le case in pietra coperte da scandole in legno, eredità della tradizione tedesca.
– Il Tarvisiano, dove è possibile coniugare cucina tipica, sport estremi ed escursioni mozzafiato.
– La Carnia, luogo incantato tra pascoli, foreste e antichi mestieri.
Le barene e le velme, particolari lingue di sabbia che emergono dalle lagune di Grado e Marano.
– La Riserva marina di Miramare, la più antica d’Italia, da scoprire con immersioni guidate.
– Il Lago di Barcis e il Campanile di Val Montanara, simbolo dell’alpinismo.

Visitato 578 volte, 1 Visite oggi

Pubblicato in Da Vedere

Articoli correlati