Nuoro e Dintorni: nell’entroterra Sardo

NUORO E DINTORNI

Piazza San Sebastiano Satta. Dedicata al poeta, è stata ristrutturata dall’artista contemporaneo nuorese Costantino Nivola.

Chiesa di Nostra Signora della Solitudine. Situata nella periferia nord-orientale in fondo ad un viale di Cipressi, offre uno splendido panorama. Costruita di recente su una chiesa del 1625, ospita la tomba della scrittrice sarda Grazia Deledda.

Orune. Situato a circa una trentina di chilometri a nord-est di Nuoro, vi si trovano il pozzo sacro Su Tempiesu, splendido esempio di architettura templare nuragica, ed il complesso archeologico di Noddule, costituito da un grande Nuraghe ed un villaggio nuragico.

BARBAGIA DI OLLOLAI 

Gavoi. Caratterizzata dalle case di granito disposte ad anfiteatro su un pendio.

Fonni. Punto ideale di partenza per le escursioni nel massiccio del Gennargentu, in cui si trova Punta la Marmora (1834m), la cima più elevata della Sardegna.

Orgosolo. Tra i centri più rappresentativi della Barbagia, è famoso per i murales degli anni settanta dai messaggi politico-sociali. Nei dintorni si trova l’antico borgo pastorale di Mamoiada, noto per il carnevale dei Mamuthones, personaggi dal viso coperto da maschere nere di legno, legate al mondo agro-pastorale.

Ottana. Da visitare l’antica cattedrale risalente al XII sec., realizzata in trachite nera e violacea. Il paese è anche noto per la festa di San’Antonio ed i suoi personaggi di Merdules, un bovaro rozzo che porta a spasso il Boes, una sorta di pecora con una maschera sul viso raffigurante un bue. Il carnevale in Barbagia ha inizio il 17 di gennaio e si conclude la prima domenica di Quaresima (la pentolaccia).

BARBAGIA DI BELVI’

Aritzo. Piccolo centro di villeggiatura estiva e famoso per le castagne.

BARBAGIA DI SEULO 

Seui. Situato tra fitti boschi di lecci e castagni, come la Foresta di Montarbu, è famoso anche per la lavorazione del ferro battuto.

MANDROLISAI 

Sorgono. E’ il centro geografico della Sardegna ed il punto di partenza ideale per escursioni nel territorio.

SUPRAMONTE – Da visitare lo spettacolare massiccio del Supramonte di Oliena, con le pareti rocciose a strapiombo, la sorgente Su Gologone nel Supramonte di Dorgali e il villaggio nuragico con capanne di pietra e fango sul Monte Tiscali. Da non perdere inoltre la Gola di Gorroppu, profondo canyon creato dal fiume Rio Flumineddu.

BARONIA

Orosei. Capoluogo storico della Baronia, feudo dei Guisi, il centro storico presenta interessanti edifici religiosi e civili.

 

Pubblicato in Da Vedere e Itinerari Turistici

Aggiungi una Recensione

Vota questa attività facendo clic sulle stelle qui sotto:

Articoli correlati