Pisa e la sua Provincia

La Torre di Pisa Autore: W. Lloyd MacKenzie Creative Commons http://www.flickr.com/photos/saffron_blaze/

Attraversata dal fiume Arno, Pisa è famosa in tutto il mondo per la Torre Pendente in marmo bianco. Simbolo della città, pare che già dopo pochi anni dall’inizio della sua costruzione si verificò un cedimento del terreno. L’opera, inizialmente abbandonata, fu completata solo due secoli più tardi, nel 1350. Al suo interno si trova una scala a spirale di quasi trecento gradini, che permette di raggiungere la sommità, da cui sembra che Galileo Galilei compisse gli esperimenti sulla gravità. Sempre nella stupenda piazza del Duomo, o Campo dei Miracoli, si trovano gli altri monumenti famosi di Pisa, e cioè il Duomo, il Battistero ed il Camposanto.

Altro cuore antico della città è piazza dei Cavalieri, in cui è possibile ammirare stupendi edifici realizzati da Giorgio Vasari. Affascinante poi una passeggiata lungo Borgo Stretto, una tra le principali vie del centro, fiancheggiata da antichi palazzi dotati di bei portici. Un modo invece per entrare in contatto con la città ed il suo rapporto col fiume, è quello di percorrere il Lungarno che ha rappresentato nel medioevo l’asse principale dell’impianto urbano.

Nonostante l’insabbiamento della foce abbia allontanato Pisa dal mare privandola del suo porto, i pisani non hanno per niente dimenticato il prestigioso passato di Repubblica Marinara. Ogni anno ad esempio si sfidano Pisa, Amalfi, Genova e Venezia in una regata, che si svolge a rotazione nelle varie città.
Spostandosi verso l’entroterra, prevale invece l’antica vocazione agricola. Situato a nord-est di Pisa, il Monte Pisano è rinomato per la produzione dell’eccellente olio d’oliva Toscano dop. Così le colline ad est di Pisa sono famose per il Chianti Colline Pisane docg. Sempre in tema di cucina tipica, la cecina è un piatto povero e tradizionale, preparato con la farina di ceci cotta in forni a legna.

In provincia da visitare la suggestiva cittadina medievale di Volterra, famosa per la lavorazione dell’alabastro. Passeggiando per le botteghe ed i laboratori, è possibile ammirare ed acquistare i pregiati manufatti in pietra, che vengono realizzati dai maestri artigiani da millenni, già dai tempi della civiltà etrusco-romana. Altri centri interessanti della provincia sono Calci, Casale Marittimo, Cascina, Lari, Peccioli, Pontedera, San Giuliano Terme, San Miniato e Vicopisano.

Jean-Baptiste-Camille Corot (1796–1875) Volterra, the Citadel, 1834

 

Pubblicato in Presentazione Provincia

Aggiungi una Recensione

Vota questa attività facendo clic sulle stelle qui sotto: