Proverbi Umbri: Lavoro e Denaro

Lu stracciusu passa pe’ puzzulusu. Lo straccione, cioè il poveraccio, passa per puzzolente.

Chi ccià la mojie bella sempre canta e chi ccià pochi quatrini sempre conta. Chi ha la moglie bella canta e chi ha pochi denari li conta sempre.

L’avaru è come lu porcu, è bonu quann’è mortu L’avaro è come il maiale, è buono quando è morto.

Chi rubba ccià la robba, chi lavora ccià la gobba. Chi ruba ha la roba, chi lavora la gobba.

Chi va a caccia senza cani, torna a casa senza lepri Il cane può essere indispensabile per la caccia alla lepre.

Chi cade in povertà perde ‘gni amicu. Chi cade in povertà perde ogni amico.

Chi è lento pe’ magnà, è lento pe’ faticà. Chi è lento nel mangiare, è lento per faticare.

Chi ‘nce nasce, ‘n cè pasce Chi non ci nasce per un lavoro è inutile che insista.

Chi cci-àli quadrini mòre cco lu collu tòrtu Chi ha i soldi muore con il collo torto.

 

Pubblicato in Proverbi e Tradizioni e Cultura

Aggiungi una Recensione

Vota questa attività facendo clic sulle stelle qui sotto:

Articoli correlati

Frutto dell’esperienza dell’uomo e spesso fonte di saggezza, i proverbi ed i modi di dire trasmettono non solo le consuetudini passate, ma anche gli umori popolari,a volte contraddittori. Continua