Portogruaro

Una cittadina dove si respira “un’aria veneta, se non proprio del tutto veneziana”. Indissolubilmente legata all’acqua del fiume Lemene e alle pietre che intessono preziose architetture

Una città dalle due anime: quella terrestre che si scorge passeggiando per le sue vie, catturati dal fascino dell’impianto medievale, delle preziose architetture del centro storico, dei portici che sfilano paralleli.

L’altra anima è fluviale, legata al Lemene, il corso d’acqua che scorre in mezzo a Portogruaro e che ha favorito commerci con le città dell’Adriatico, prima fra tutte Venezia.
Fiume che è stato il cuore della città fin dalla fondazione, nel 1140, quando il vescovo di Concordia concesse ad alcuni mercanti un terreno lungo le sue rive e lì vi costruirono case, magazzini e un porto commerciale.

Ma fu solo con la protezione della Repubblica Serenissima che Portogruaro conobbe il vero periodo di ricchezza e splendore. Risalgono al XV-XVI secolo le opere più significative e di valore della città: il Fondaco del commercio, i ponti di pietra, i palazzi rinascimentali, gli archi e i portici che ovunque si susseguono e ricordano gli elementi delle tipiche architetture veneziane. Tra questi anche i numerosi leoni marciani, le pitture murali, i bassorilievi in pietra d’Istria e gli stemmi nobiliari.

Il nucleo storico di Portogruaro affascina per le architetture splendidamente conservate: la trecentesca Loggia comunale, la piazza della Repubblica con la vera da pozzo e le due gru in bronzo (simbolo della città), il campanile romanico pendente, la loggia della Pescheria, i due Mulini sul Lemene, i palazzi e le case nobiliari e gli affreschi conservati nelle chiese. Entrando al Museo Nazionale Archeologico, uno dei più importanti dell’Italia settentrionale, i resti della città romana Iulia Concordia e le sue necropoli portano ancora più indietro nel tempo, addirittura al I e II secolo a.C.

Visitato 324 volte, 1 Visite oggi

Pubblicato in Presentazione Località

Articoli correlati

C’era una volta un piccolo centro preistorico di cui oggi restano solo le tombe rinvenute durante gli scavi per la costruzione della strada provinciale nel 1914 e nel…Continua