Proverbi Siciliani sull’Amore e sull’Amicizia

Nuddu si pigghia si non si rassumigghia Le persone non si prendono (si scelgono) tra loro se non si rassomigliano.

Unni a iaddina canta e u iaddu taci, chidda è a casa ca nun c’è paci Dove la gallina canta e il gallo tace, quella è casa in cui non c’è pace.

Ama a cu t’ama si vo aviri spassu, picchì amari a cu non t’ama è tempu pessu Ama chi ti ama se vuoi averne piacere, perchè amare chi non ti ama è tempo perso.

L’amuri è comu lu citrolu, cumincia duci e finisci amaru L’amore è come il cetriolo, comincia dolce e finisce amaro.

Si voi un omu fari scimuniri, fallu ‘ngilusiri Se vuoi fare rincretinire un uomo per te, fallo ingelosire.

L’amuri è amaru ma arricria lu cori L’amore può essere amaro, ma da tanta gioia.

Biddizza senza grazia è comu l’isca senza ami La bellezza senza grazia è come l’esca senza l’amo.

Non su i biddizzi ca ti fannu amari, ma a gentilezza e lu bonu parrari Non è la bellezza che ti fa amare (attira), ma la gentilezza e il parlare cortese.

Non ci pò esseri veru amuri, unni ognunu voli esseri patruni Non ci può essere vero amore, dove ciascuno vuole essere il padrone.

Quannu l’amuri tuppulìa, non lu lassari ammenzu a la via Quando l’amore bussa alla porta, non lo lasciare fuori in strada.

Cu pratica u zoppu all’annu zuppia Chi frequenta lo zoppo, entro l’anna zoppica.

 

Pubblicato in Proverbi

Aggiungi una Recensione

Vota questa attività facendo clic sulle stelle qui sotto:

Articoli correlati