Recoaro Terme

Il nome “Recoaro” deriva probabilmente dal nome proprio tedesco Richwar o da “REX AQUARUM”, re delle acque.

I primi insediamenti cimbri si registrarono probabilmente già intorno all’anno mille, nella zona di Rovegliana e proprio da un documento del 1327, la città risulta sotto l’amministrazione di quest’ultima; successivamente appartenne sempre a Vicenza e ne seguì le sorti.
Nel 1689 il conte Lelio Piovene scoprì la fonte che porta il suo nome che però venne sfruttata solo 5 anni più tardi.

Alla fine dell’800 Recoaro divenne uno dei più rinomati centri termali dell’alta Italia e acquistò il tipico aspetto di “ville d’eau” con architetture liberty.

Intorno al 1920 fu avviata l’attività di imbottigliamento dell’acqua minerale da tavola e delle celebri bibite con marchio “Recoaro”.

Pubblicato in Itinerari Termali e Presentazione Località

Articoli correlati

A Brenzone la vacanza vuol dire innanzitutto natura: acque trasparenti e profonde, dove montagne quasi vanitose si specchiano, antichi borghi e boschi incontaminati. Continua