Strada del Recioto e dei vini di Gambellara

L’itinerario della Strada del vino attraversa un territorio di origine vulcanica in provincia di Vicenza, culla di produzione dell’uva Garganega dalla quale si ottengono preziosi e importanti vini bianchi asciutti o passiti, come i rari Recioto di Gambellara e il Vin Santo.

Il percorso si snoda lungo la bassa valle del Chiampo, un territorio di contenute dimensioni che porta alla scoperta di antiche e nobili presenze a cavallo tra Vicenza e Verona. Adagiata sulle ultime morbide propaggini dei Monti Lessini, tra vigneti, valli fertili e verdeggianti interrotte da numerosi corsi d’acqua si incontra Gambellara. Il piccolo centro ha l’aspetto di un tranquillo paese di campagna tutto raccolto intorno alla Parrocchiale di San Pietro. A Gambellara ha sede la più importante azienda vinicola privata d’Italia e al suo interno conserva importanti collezioni di carattere eroico: carri vinari, torchi, raccolta di calici e cavatappi.

Salendo verso la dorsale panoramica, tra la val Fonda e la val di Selva, si entra nella zona Classica di produzione vinicola. E qui si trova Montebello Vicentino, giusto a metà strada tra Vicenza e Verona, in una posizione da sempre considerata strategica perché al centro delle principali vie di comunicazione. Tra gli edifici più significativi si ricordano Villa Valmarana Zonin, la Chiesa di S.ta Maria Assunta e Villa Capra ora Meneguzzo.

La Strada del Recioto raggiunge infine Montecchio Maggiore, il centro turisticamente più significativo dell’itinerario, posto tra graziose colline che invitano il turista a rilassanti passeggiate immersi nel verde alla scoperta di angoli suggestivi come le Spurghe di Sant’Urbano e i Mulini di Valdimolino. Ma i simboli di questa cittadina sono ormai diventati i Castelli di Giulietta e Romeo, rocche scaligere che sorgono su un colle poco distante dal centro abitato.

La tradizione vuole che la più bella storia d’amore di tutti i tempi fosse stata ambientata proprio a Montecchio Maggiore dal vicentino Luigi Da Porto che nel 1524 scrisse la ‘Storia nuovamente ritrovata di due nobili amanti’, ripresa poi nel 1597 da William Shakespeare.

Tra i beni architettonici di notevole interesse si ricorda, infine, Villa Cordellina-Lombardi, costruita nel 1735 in stile palladiano e arricchita dagli affreschi di Gian Battista Tiepolo e da sculture della bottega padovana dei Bonazza.
Vini DOC Gambellara: Gambellara, Gambellara Classico, Gambellara Recioto, Gambellara Recioto Classico, Gambellara Recioto Spumante, Gambellara Vin Santo, Gambellara Vin Santo Classico; DOC Monti Lessini o Lessini; DOC Vicenza.

Pubblicato in Itinerari e Itinerari Enogastronomici

Aggiungi una Recensione

Vota questa attività facendo clic sulle stelle qui sotto:

Articoli correlati

Andrea di Pietro della Gondola, figlio di un mugnaio padovano, fu l’architetto che creò una tipologia nuova per l’architettura della villa di campagna Il Palladio nacque nel 1508… Continua