Strada del Torcolato e dei vini di Breganze

Dalle ondulazioni di natura vulcanica e tufacea della Pedemontana alle distese di ciottoli e ghiaia lungo i fiumi Astico e Brenta. E’ su questi terreni che nasce la Vespaiola, uva autoctona da cui si ottiene il pregiato Torcolato, vino da dessert dal profumo intenso di miele e uva passita, e ottimi vini bianchi asciutti.
Ai viaggiatori che vogliano conoscere questo lembo di territorio basterà seguire l’itinerario tracciato dalla Strada del Torcolato e dei vini di Breganze, che tocca in totale tredici comuni del vicentino, tra vigneti e testimonianze storiche e architettoniche di un nobile passato.

Si parte da Thiene, cittadina posta sul confine occidentale della Strada, con la sua bella villa tardogotica Da Porto Colleoni. Cuore del centro storico di Thiene, la villa è conosciuta anche come il Castello per le torri che la cingono e per l’appariscente merlatura. Pochi chilometri attraverso verdi colline coltivate a vigneti e si arriva a Breganze, nel cuore dell’omonima DOC, un ambiente singolare fatto di ville padronali e piccoli edifici medievali, le cosiddette ‘colombare’, testimonia il nobile passato di questa cittadina. Da visitare il Maglio di Breganze che nel 1985 un decreto ministeriale qualificò come “uno degli autentici documenti di civiltà rurale di estremo interesse storico-etnografico”.

La Strada prosegue verso Sandrigo dove ammirare la bella architettura di villa Sesso-Schiavo, edificata nel 1570 e di evidente influsso palladiano e il maestoso casale di origini medioevale più volte restaurato, ma che conserva ancora l’antico aspetto imponente.
Inconfondibile il paesaggio che porta quindi a Mason Vicentino. Specie in primavera quando la fioritura dei ciliegi dipinge di una morbida tonalità di bianco l’atmosfera della pedemontana vicentina. Inconfondibile anche Marostica con il suo profilo disegnato dai due castelli scaligeri: l’Inferiore (oggi sede del Municipio) e il Superiore, collegati da una cinta merlata tuttora ben conservata. Mentre nella scenografica Piazza Castello nella grande scacchiera marmorea di Piazza Castello ogni due anni rivive la contesa amorosa dei nobili Rinaldo e Vieri, entrambi innamorati della bella Lionora.

La Strada porta, infine, a Bassano del Grappa, una delle più belle città della provincia italiana. Il suo monumento simbolo è il Ponte degli Alpini, costruito su progetto di Andrea Palladio, mentre il centro medievale è caratterizzato da una serie di edifici sacri e civili in cui si avverte l’influenza dello stile veneziano. E il viaggio può ancora continuare, immersi nella quiete e nella serenità di un paesaggio dalla bellezza elegante e delicata.

Vini DOC Breganze: Rosso, Cabernet Sauvignon, Cabernet, Pinot Nero, Marzemino, Bianco, Vespaiolo, Pinot Grigio, Pinot Bianco, Chardonnay, Sauvignon, Torcolato

Pubblicato in Itinerari e Itinerari Enogastronomici

Aggiungi una Recensione

Vota questa attività facendo clic sulle stelle qui sotto:

Articoli correlati

Circondati da morbide colline, vicino alle ampie spiagge dorate o sul più grande lago d’Italia, i “green” veneti garantiscono divertimento ed emozione grazie anche a tracciati di nuova… Continua