Terme di Caldiero

Il piacere della balneoterapia diventa vacanza perché a fare da sfondo a queste terme è un contesto naturale di particolare bellezza. Due boschetti, ricchi di varietà botaniche, profumano e rendono salubre l’aria, mentre in un piccola oasi naturale il laghetto Dugal ospita cigni, oche e anatre selvatiche. Poco lontano c’è il “teatro verde” all’aperto, utilizzato durante l’estate per manifestazioni varie e spettacoli d’intrattenimento.

Cinque le vasche, o piscine, del complesso di Caldiero rifornite dall’acqua termo-minerale che scende dalle Piccole Dolomiti e dai Monti Lessini.

Le piscine Cavalla e Brentella sono alimentate da piccole sorgenti, la Dugaletta è attrezzata con sistemi di idromassaggio, mentre le moderne Junior e Olimpia sono nate per attività natatorie (ludiche e agonistiche). Le loro proprietà curative furono studiate tra il 1567 e il 1589 dal frate camaldolese Ventura Minardo da Este e ancora oggi le sue osservazioni hanno un significativo valore storico e scientifico.

La fama delle terme di Giunone fu alterna: molto in voga nel Rinascimento, dimenticate nel secolo successivo, fu solo tra il 1700 e il 1800 che si riaccese l’interesse per le proprietà terapeutiche di queste acque.

Negli ultimi anni il Comune di Caldiero, proprietario del complesso termale, ha affidato a medici e geologi l’incarico di effettuare ulteriori analisi per verificare nuove possibilità di utilizzo delle acque a scopi terapeutici.

Visitato 9 volte, 1 Visite oggi

Pubblicato in Da Fare e Itinerari Termali

Articoli correlati

Le Terme di Recoaro uniscono ad una cornice naturale di rara bellezza cinque delle nove fonti di acque minerali presenti in paese, tutte bicarbonato-alcaline, che permettono vari tipi…Continua

Ai margini della città di Vicenza, nel magico paesaggio punteggiato di lussuose dimore dell’aristocrazia veneta, si inserisce il Golf Club Vicenza, fondato nel 1991 Per disegnare questo percorso…Continua