Hai selezionato una categoria che non ha nessun risultato per la provincia attuale.

LA PROVINCIA

La Provincia di Messina

Situata nella parte nord-orientale dell’isola, la vasta provincia messinese termina con una delle tre punte della Sicilia, capo Peloro, separato da soli tre chilometri di mare dalla Calabria. Legato a tante leggende, come i mostri marini di Scilla e Cariddi, è proprio lo Stretto di Messina l’elemento caratterizzante della cultura, della cucina e della storia della città peloritana. Numerose le mete interessanti nel territorio, sia sul versante tirrenico che su quello ionico. A contendersi lo scettro di regina del turismo della provincia, ma anche della Sicilia, la splendida Taormina, autentica perla dello Ionio, e le sette sorelle costituenti l’arcipelago delle Eolie. Partendo da Torre Faro e seguendo il litorale tirrenico è un susseguirsi di interessanti localià [Continua…]

IL CAPOLUOGO

Feltre: la città dipinta

Feltre: la città dipinta

L’ampia e soleggiata conca della Valbelluna, delimitata a nord dalle Vette Feltrine e a sud dal Monte Tomatico, accoglie la città di Feltre. Di origine romana, nel corso dei secoli fu lungamente contesa per la sua posizione strategica. Prima di consegnarsi spontaneamente a Venezia nel 1404, Feltre conobbe il dominio delle aristocratiche famiglie dei da Camino, degli Scaligeri, dei Carraresi e dei duchi d’Austria. Nei quattro secoli di governo veneziano, interrotti solo dalla devastazione del 1510 ad opera di Massimiliano I d’Asburgo, Feltre conobbe un periodo di notevole benessere economico grazie alla costituzione di una ricca borghesia mercantile. Una ricchezza che si tradusse anche nella vita culturale e artistica della città. I palazzi dalle splendide facciate [Continua..]

LE LOCALITA’

Gran Paradis

Gran Paradis

La stupenda zona a sud-ovest della Valle d’Aosta, compresa tra la fine della conca di Aosta e le strette montane di Pre-Saint-Didier, è chiamata l’Alta Valle. Essa è composta dal comprensorio di Cogne e da quello del Gran-Paradis. Quest’ultimo è costituito da tre vallate: la Valsavarenche, la Val di Rhêmes e la Valgrisenche. Giungendo da Aosta, l’ingresso nel comprensorio del Gran Paradis è costituito da Villeneuve, dove si trova il bel castello di Châtel-Argent. Più avanti, Introd è situato all’ingresso della vallata della Valsavarenche, immersa nel territorio del Parco Nazionale del Gran Paradiso. E’ una lunga valle, che si estende in direzione nord-sud fino ai piedi del massiccio del Gran Paradiso. Dal villaggio di Pont, situato a sud nella [Continua…]
Vulcano: la Dimora di Efesto, Dio del Fuoco

Vulcano: la Dimora di Efesto, Dio del Fuoco

Vulcano, l’isola dell’arcipelago più vicina alla costa siciliana, è caratterizzato dalla presenza di due vulcani, il Gran Cratere e Vulcanello. Il primo è quello principale di notevole dimensioni, detto anche Vecchio o del Piano. Vulcanello invece è molto più piccolo. Collegato al resto dell’isola da un’istmo, originariamente Vulcanello era un’isola indipendente, poi nel 183 a.C. a seguito di un’eruzione si è formata la striscia di terra che lo collega a Vulcano. Per secoli e fino a non molto tempo fa Vulcano è rimasto disabitato, a causa della presenza di continui fenomeni eruttivi. Gli antichi greci pensavano che si trattase di un’isola sacra appartenente ad Efesto dio del fuoco, e che nel suo cratere si trovasse l’officina in cui [Continua…]
Bibione

Bibione

Faro di Bibione Autore: Luca Vivan Nonostante sia la più giovane località nel contesto del turismo balneare, Bibione è ricchissima di strutture ricettive: circa cento alberghi, ventimila appartamenti, campeggi e villaggi turistici, un moderno e attrezzato centro termale. Articolata nei nuclei di Bibione Spiaggia, Lido del Sole e Bibione Pineda, la vasta distesa sabbiosa accoglie il turista con ordinate e coloratissime file di ombrelloni e con un’animazione sportiva capace di entusiasmare tutti: surfing, vela, sci acquatico, nautica e tante altre opportunità per prendere confidenza con il mare. Otto chilometri di spiaggia, perennemente esposti al sole, che si specchiano nelle acque trasparenti e limpide dell’Adriatico, dove correnti marine costanti ne garantiscono [Continua…]
La culla della civiltà veneta

La culla della civiltà veneta

La “capitale” dei Veneti antichi è sorta sulle rive dell’Adige, fiume che un tempo la lambiva. Circondata dai dolci declivi dei colli Euganei, Este è una cittadina immersa in un’atmosfera di affascinante tranquillità L’eco del magico mondo medievale risuona tra i resti del castello marchionale, ma l’atmosfera non è minacciosa. Dell’edificio rimangono solo le imponenti mura, lunghe circa un chilometro e intervallate da dodici torrioni e due masti. All’interno un parco pubblico, un giardino all’italiana impreziosito da statue settecentesche che rappresentano divinità mitologiche. Siamo a Este, in territorio padovano, in una conca protetta dai colli Euganei. Importante centro civile e religioso dei paleoveneti, la cittadina prese il [Continua…]

Il Comprensorio Amerino

Il comprensorio Amerino è costituito dalla zona sud-ovest dell’Umbria a confine con il Lazio. Le città principali nel territorio sono Amelia, Avigliano Umbro, Montecastrilli, Attigliano, Giove e Alviano. Di origini molto antiche, Amelia fu fondata dagli Umbri e poi divenne un importante Municipio di Roma. Del periodo pre-romano è possibile ammirare le possenti mura poligonali alte 8 metri con quattro porte di accesso, che racchiudono il centro storico. Del periodo romano rimangono invece le monumentali Cisterne Romane del I sec. d.C., che servivano per la raccolta dell’acqua piovana. Interessanti testimonianze inoltre sono custodite nel museo archeologico. Passeggiando per le strette vie del pittoresco centro storico è possibile ammirare delle belle chiese, tra cui il [Continua…]